Recensioni

Pagine: 1 2 ... 5 6 7 8 9 10 11 ... 79 80
Recensione Rekreatur

Equilibrium - Rekreatur

- ReKreatur è il giusto seguito di Sagas per quanto mi riguarda.
Scordiamoci lo stile di Turis Fratyr, qui ormai il termine Viking/Folk non si può più applicare agli attuali Equilibrium.

Questo nuovo full lenght è una sorta di Sagas II praticamente, un evoluzione naturale con l'aggiunta di alcune piccole varianti e novità.
Il nuovo vocalist non fà rimpiangere Helge, questo è già di per sè un fatto positivo.
Ok, detto questo, cosa abbiamo tra le mani?
Canzoni "lunghe" che [Continua...]
Recensione Into_The_Symphonia_

Infinita Symphonia - Into The Symphonia

- Into The Symphonia è il demo di debutto per Infinita Symphonia, band capitolina che si cimenta in un heavy metal, debitore di certo power cadenzato, e in grado di assimilare anche altre influenze in uno stile che riesce ad essere abbastanza variegato e articolato. Nei sei brani, di durata media di cinque minuti, che compongono il demo (l' ultimo è una riproposizione del terzo brano) il gruppo tenta la carta dell' heavy – power metal impostato su riff groove, quindi la soluzione della modernità. [Continua...]
Recensione Withered_Beauty_

Withered Beauty - Withered Beauty

- Difficile inquadrare in maniera netta un disco come Withered Beauty, e questo non perchè i generi di riferimento non siano evidenti, piuttosto perchè il disco viaggia quasi sempre su una sottile linea di demarcazione, ben di rado assumendo una fisionomia sonora definita.
In generale, i generi principali sondati sono: black metal, death metal, melodic black metal, melodic death metal. Gli apporti del doom non possono essere trascurati, così come i sia pur sporadici interventi in altri settori, [Continua...]
Recensione Burepolom

Post Traumatic Stress Disorder - Burepolom

- Nella biografia del gruppo si legge come le influenze della band siano confluite in un disco che rifugge le classificazioni facili.
Io ne azzardo una: "rock - metal". Si potrebbe dire che la miscela consiste in una forma sì ibrida, ma non solo. Come per altre band precedentemente recensite, la componente rock in questo contesto è marcata, forse addirittura basilare: sembra quasi di ascoltare "metal" suonato come se fosse "rock". Oppure, viceversa, "rock" suonato in maniera pesante. Si sentono [Continua...]
Recensione Sipario_di_notte_vestito

Open Fire - Sipario di notte vestito

- Gli Open Fire, dopo avere raggiunto una certa stabilità di line-up, hanno sfornato il loro primo vero e proprio album ( hanno all'attivo un EP pubblicato nel luglio 2006) intitolato Sipario Di Notte Vestito.
Ispirandosi decisamente all'onda “alternative” contemporanea, questi ragazzi emiliani hanno preso spunto da band appartenenti a questo filone musicale come Deftones e Mudvayne.
Il sound proposto, si affaccia su vari orizzonti, mescolando anche elementi di gothic rock (presenti [Continua...]
Recensione The_End_Of_The_Road

Devilsclaw - The End Of The Road

- E' molto interessante il promo di questa band nostrana dalla storia alquanto travagliata.
Nella biografia inserita nel CD si afferma di voler unire diverse influenze, tra cui le principali sono new e thrash metal. E in effetti pare proprio che siano queste le influenze principali: un certo percussionismo ritmico (basso e batteria insieme), con tempi medi, cadenzati, che sembrano rientrare maggiormente nel primo genere menzionato, mentre le chitarre arrembanti in stile più thrash conferiscono [Continua...]
Recensione Methods_of_Madness

Obsession - Methods of Madness

- Methods Of Madness è uno di quei dischi che non colpisce per le innovazioni che apporta, né per l' originalità dello stile, ma che riesce comunque a convincere in virtù della bontà e dell' energia delle composizioni incluse.
Il gruppo mette in mostra una buona padronanza tecnica (i chitarristi dimostrano di cavarsela anche con l' effettistica), ma naturalmente da questo punto di vista a spiccare è il cantante Mike Vescera (al servizio anche di Malmsteen, tra l' altro)che, sorretto da un' [Continua...]
Recensione Hopera

Social Surplus - Hopera

- Hopera è il debutto sulla lunga distanza per Social Surplus, band che attinge dal metalcore più affine al thrash e a certe sonorità più rockeggianti e soft.
Questo disco, frutto dell' autoproduzione, gode di una produzione molto buona, che può competere con quelle professionali, anche se c' è qualche margine di miglioramento: per esempio qualche irrobustimento nel suono delle chitarre, su cui sarebbe meglio forse puntare un po' di più e da mettere un po' più in risalto rispetto alla batteria [Continua...]
Recensione Double_Cross_II

Double Cross - Double Cross II

- Il loro debut usciva nel 2007 ed ora, dopo tre anni, esce “II”, secondo full-lenght dei Double Cross, band italo-tedesca che si diletta a proporre un hard 'n' heavy pieno di sonorità che ricordano il carisma tipico dei dischi Street Rock degli anni ‘80.

Avendo come punti di riferimento band di quegli anni, i nostri non potevano non proporre un disco tipicamente hard rock ( WITH NO ILLUSIONS (I’M BACK), BREAKIN IS GOOD, TAKE ME AWAY, USE ME BABY ), condito di cavalcate heavy (ALL I SAID, [Continua...]
Recensione The_Principle_Of_Evil_Made_Flesh

Cradle Of Filth - The Principle Of Evil Made Flesh

- Correva l'anno 1994. Mentre in Norvegia i fatti di sangue catapultavano nella ressa mediatica l'"Inner Circle" e i suoi componenti assicurando la fama leggendaria ai grandi nomi del black metal, in Inghilterra qualcosa iniziava a muoversi: erano i Cradle of Filth. Autori già di quattro demo e uno split di chiara impronta death, i "Signori della Notte" proprio in quel periodo mettevano a frutto la lezione norvegese (rielaborandola, e non di poco, in modo del tutto originale) dando alle [Continua...]
Pagine: 1 2 ... 5 6 7 8 9 10 11 ... 79 80