Reign In Blood

Band
Anno
1986
Tracklist
L'immagine non è disponibile
Testi e traduzioni:
Jesus Saves, Piece by piece, Raining Blood, Postmortem, Altar Of Sacrifice, Angel Of Death, Necrophobic, Criminally Insane
Recensione:
Voto:
100/100
Un capolavoro di violenza inaudita che ha segnato un grosso confine tra il passato e il presente. Uscito nel lontano 1986 il disco sembra tutt’ora irraggiungibile per velocità e rabbia. Araya canta come un animale squartato e King e Hanneman portano sulle loro corde una dose di follia inimagginabile. Lombardo non è da meno: trascina tutti con disumana abilità. La spettacolare canzone di apertura Angel of Death ci lancia subito in un inferno sonoro, con riff taglienti e veloci fino allo spasimo. L’assolo è quanto di più malato si sia sentito negli ultimi tempi, con Lombardo che consuma con maestria le sue pelli. Segue un’indiavolata Piece by Piece e un’altrettanto pazza Necrophobic, Altar of Sacrifice, Jesus Saves. Quattro scheggie di follia che pervadono l’ascoltatore portandolo direttamente all’inferno. Solo un attimo di respiro con Criminally Insane per poi rituffarsi negli orrori con Reborn, nella quale Araya sembra non aver bisogno di prendere fiato, ed altre due sfuriate Epidemic e Postmortem, che ci introducono alla decisiva pioggia di sangue. Raining Blood, spettacolare, il cui riff è ormai storia, chiude questo massacro. In tutto l’album dura 29 minuti circa, mentre alcune leggende che circolano tra i fan affermano che originariamente dovesse durare 10 minuti in più, nei quali sono riversate tutta la follia e la rabbia degli Slayer. Il metal estremo non sarà più la stessa cosa dopo questo album.
the minstrel