Kivenkantaja

Anno
2003
Tracklist
L'immagine non è disponibile
Testi e traduzioni:
Jumalten Kaupunki / Tuhatvuotinen Perinto
Recensione:
Voto:
88/100
Anno 2003, i giovani Moonsorrow sono freschi dell'ottimo successo riscontrato con il sophomere album "Voimasta Ja Kunniasta", a cui si deve la rilettura in chiave folk del genere norreno per eccelleza, il Viking Metal.
Parte della bravura della band è da imputare al tastierista/chitarrista Henri Sorvali, il Trollhorn tastierista e compositore dei Finntroll.
E' curioso notare l'evoluzione quasi parallela dei Finntroll e dei Moonsorrow, nati e sbocciati quasi contemporaneamente, nel 2003 Kivenkataja precede di poco il disco Nattfodd dei Finntroll che rappresenterà un must in ambito folk.
Perciò un anno prima, Sorvali e compagni compongono un disco unico e con una fortissima ispirazione.
Il precedente Voimasta Ja Kunniasta accennava già ottimi elementi e melodie, barcamenandosi tra un viking di matrice black e delle tastiere preponderanti il cui compito è di alleggerire il suono.
Ora gli elementi di spicco vengono ripresi, elaborati e confermati.

Possiamo già notare la lunghezza delle tracce, destinata ad aumentare esponenzialmente col proseguire della discografia.
Se cercate un disco che racchiuda l'epicità del power metal, ritmi medioevaleggianti del folk e sfuriate con tanto di blast beat come il black metal vuole, allora Kivenkantaja è d'obbligo. Dimenticate gli Ensiferum, concentratevi su qualcosa di solenne e maestoso come la traccia "Raunioilla", cogliete la potenza e l'epicità della hit "Jumalten Kaupunki Incl. Tuhatvuotinen Perintö" e infine rilassatevi con "Tuulen Tytär Incl. Soturin Tie" e "Matkan Lopussa". Ultimo avvertimento, da ascoltare nota per nota e a volumi sostenuti, per poter apprezzare una produzione eccellente.

Per concludere, un disco che tutti gli amanti del viking-folk dovrebbero possedere, secondo la mia opinione è leggermente superiore a "Veriskeet", ma il motivo lo spiegherò nella sua recensione.
Somnium