Circle Regenerated

Anno
2011 (18 Aprile)
Tracklist
1. Through It All
2. The Hate I Bear
3. Truth
4. Some Day
5. Break Myself Away
6. Believe
7. Falling
8. We Do Not Care
9. The Last Time
10. Closing In
L'immagine non è disponibileRecensione:
Voto:
75/100
Nuova lineup, nuovo disco. Nuovo sound?

In un certo modo sì, ma andiamo con ordine.
Le due new entry sono il vocalist Sihvonen che prende il posto del veterano Lindroos e Freyberg, chitarrista dei Naildown.

Tutta la musica di questo nuovo album è affidata al chitarrista Ranta, sue le musiche e suoi i testi. Cosa ci dobbiamo aspettare allora?

Scordatevi di sentire delle hit come Frozen Angel, questo Circle Regenerated non offre nulla di memorabile, ma semplicemente dieci tracce di ottima qualità che si assomigliano un pò tutte come struttura.
Chitarre possenti, sprazzi di elettronica più frequenti che non in passato, batteria bombastica sono gli ingredienti vincenti e marchio di fabbrica dei Norther; ma riguardo alle parti cantate?

Il nuovo vocalist si alterna tra scream/growl non troppo diverso da quello di Lindroos, ma dimostra una buonissima capacità nei clean e viene spesso accompagnato dalla memorabile voce di Ranta, diverse tra di loro, ma decisamente adatte al nuovo sound dei Norther.

Come ho detto, le canzoni sono strutturate in modo simile, non ci sono attimi di particolare stupore durante l'ascolto, si apprezza molto l'alternarsi dello scream con la voce pulita del cantante, i tappeti di tastiera di Planman e gli inserti elettronici che non esagerano mai. Ho trovato molto simpatica la parte acustica sul finire della canzone Some Day e il pianoforte introduttivo di Falling.

In definitiva, Ranta costruisce dieci canzoni molto buone, un power/speed con ritornelli molto, ma molto melodici, quasi tendenti al pop/rock. Buonissime le chitarre, soprattutto in The Hate I Bear.
Tra le tracce migliori o più memorabili troviamo sicuramente la sopracitata The Hate I Bear, Some Day, Through It All e We Do Not Care.

Nonostante le buone cose fatte con questo album, continuo a preferire il precedente N, perchè secondo me aveva una sua identità più marcata e uno stile moderno nelle canzoni che si differenziava ogni volta.
Questo Circle Regenerated va visto come un debut album, con delle idee diverse e un modo di far musica diverso da quello dei dischi precedenti, bisognerà quindi sentire il prossimo disco per farsi una buona idea sul nuovo stile intrapreso da Ranta e compagni.
Somnium