Paradise Lost

Genere
Anno di formazione
1988
Stato
Attivi
Membri
Nick Holmes - Voce
Gregor Mackintosh - Chitarra
Aaron Aedy - Chitarra
Stephen Edmondson - Basso
Jeff Singer - Batteria
La foto della band non è disponibile.
Biografia:
I Paradise Lost nascono nel 1987, dall' incontro a un concerto tra gli allora adolescenti Nick Holmes e Gregor Mackintosh, appassionati di heavy metal ed entrambi innamorati delle sonorità dei Bauhaus e dei Mission, che eserciteranno una forte influenza sul loro modo di comporre. I due fanno subito amicizia e decidono di formare una band insieme, che vede aggregarsi anche il chitarrista Aaron Aedy, il bassista Stephen Edmondson e il batterista Matthew Archer. I cinque decidono di ribattezzarsi Paradise Lost, in omaggio ad un' opera di carattere teologico scritta da John Milton nel 1667.
A metà del 1989 incidono un demo che viene spedito ad alcune case discografiche e che interessa la Peaceville, che si offre per produrre il primo full - lenght della band. Nel febbraio 1990 il gruppo debutta con "Lost Paradise", un album che risente delle pesanti influenze dei Celtic Frost e più in generale del death metal di Death e Obituary. A causa dello scarso tempo avuto per le registrazioni, il disco ha un suono molto crudo che però ben si amalgama con le composizioni plumbee e feroci. Una curiosità è legata all' immagine del retro della copertina: i Paradise Lost dopo alcune discussioni sulla scelta dei disegni proposti dalla label, decidono quasi per scherzo di farsi fotografare nel cimitero di Dewsbury, sede della Peacevelle, con Holmes che fa un tributo alla cult - band Confessor indossandone una t - shirt e passando per una serie di foto che saranno poi usate per promuovere il disco.
"Lost Paradise" non è certo un lavoro impeccabile poichè ancora troppo derivativo, ma la critica comincia a manifestare i primi interessi.
La svolta arriva solo un anno dopo, nel marzo 1991, quando la Peacevelle licenzia "Gothic", disco molto più maturo del precedente, e che allarga la schiera dei fan della band. Ancora una volta il disco è stato registrato con un basso budget e questo gli conferisce un suono ancora più oscuro del precedente.
Sotto la guida del produttore Simon Efemy viene inciso "Shades of God" che segna un netto miglioramento nel songwriting e prende le distanze dal death metal per muoversi verso una direzione non ancora definita. Il tour di supporto porta il gruppo ad esibirsi al prestigioso Dynamo Festival di Eindhoven. In questo periodo la band comincia a smussare il suono sporco e spigoloso degli esordi, come si può notare nel quarto "Icon", che porta i Paradise Lost ad essere considerati uno dei gruppi più rappresentativi dell' heavy metal.
Per confermare il proprio status di band di caratura superiore arriva nel 1995 "Draconian Times" che vede alla batteria Lee Morris; il tour seguente è un successo, tanto da costringere la band a suonare in più di un' occasione con un altro nome, The Painless (nome ufficiale del fan club), per evitare la ressa nei club.
A questo punto però la voglia di rinnovamento prende il sopravvento: nel 1997 esce "One Second", che inaugura la terza stagione dei Paradise Lost e l' allontanamento dall' heavy metal. E' un disco che spacca in due i fan, tra chi muove accuse di commercializzazione e quelli che apprezzano la volontà di rinnovarsi ad ogni uscita. Il seguente "Host", licenziato dalla EMI, abbandona addirittura il rock per muoversi nelle sonorità dark elettroniche tipiche dei Depeche Mode; tuttavia il successo commerciale non arriverà mai.
Il seguente "Believe in Nothing" segna un leggero riavvicinamento al rock, tendenza che continua con "Symbol of Life" (anche se non si tratta di un dietro front codardo).
L' ultimo disco, omonimo, è uscito nel 2005 e contiene alcune delle canzoni più pesanti mai scritte dal gruppo.

Scritta da Mythycal
Discografia:
Scheda Lost Paradise
Anno
1990
Recensioni
0
Preferiti
2
Scheda Gothic
Anno
1991
Titolo
Recensioni
0
Preferiti
13
Scheda Shades Of God
Anno
1992
Recensioni
0
Preferiti
2
Scheda Icon
Anno
1993
Titolo
Recensioni
0
Preferiti
3
Scheda Draconian Times
Anno
1995
Recensioni
0
Preferiti
17
Scheda One Second
Anno
1997
Recensioni
0
Preferiti
0
Scheda Host
Anno
1999
Titolo
Recensioni
0
Preferiti
0
Scheda Believe In Nothing
Anno
2001
Recensioni
0
Preferiti
1
Scheda Symbol Of Life
Anno
2002
Recensioni
0
Preferiti
2
Scheda BBC Sessions
Anno
2003
Recensioni
0
Preferiti
0
Scheda Paradise Lost
Anno
2005
Recensioni
0
Preferiti
5
Scheda In Requiem
Anno
2007
Recensioni
1
Preferiti
4
Scheda Faith Divides Us - Death Unites Us
Anno
2009 (25 Settembre)
Recensioni
0
Preferiti
0